top of page

agricoltura

L’agricoltura è il settore trainante del tessuto economico della nostra comunità cittadina, che ha alle spalle una tradizione centenaria ma che negli ultimi anni si è innovata poco restando ancorata ad essa. Ciò ha portato a una riduzione del numero delle aziende agricole ma anche a un accentramento della produzione, aspetto che ha ridotto la diversificazione delle nostre colture. Come Amministrazione ci proponiamo da motore di uno sviluppo innovativo e inclusivo che aiuti al raggiungimento dell’obiettivo generale di un sostegno alla politica agricola comune. Ci poniamo due traguardi: attrarre giovani agricoltori e facilitare lo sviluppo imprenditoriale. Grazie al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) abbiamo una grande opportunità da non farci scappare, forti dalla presenza di 6,8 miliardi di euro destinati al settore agricolo.

dan-meyers-IQVFVH0ajag-unsplash.jpg
  • Costituzione di un Centro Integrato per l'Agricoltura che fornirà assistenza agli imprenditori agricoli e in generale agli operatori del settore agricolo, informerà sulle opportunità di finanziamenti e bandi riguardanti il settore, creerà l’incontro tra domanda e offerta del lavoro agricolo, riceverà le eventuali problematiche esposte dagli agricoltori.

  • Creazione di un’app per consultare tutti i dati raccolti dal Centro Integrato per l'Agricoltura e per poter informare gli operatori agricoli su eventi atmosferici territoriali, analisi di richieste di mercato e indicazione dei tempi di carenza fitosanitaria prima della raccolta.

  • Istituzione del sistema di gestione territoriale delle avversità meteorologiche e climatiche, sfruttando i finanziamenti del PNRR in termini di banda ultralarga in territorio agricolo e creazioni di reti IoT.

 

  • Favorire lo sviluppo di nuove forme di agricoltura, come agriturismi, fattorie didattiche e aziende che trasformano e commercializzano direttamente i loro prodotti.

 

  • Favorire l’utilizzo di tecnologie blockchain per la tracciabilità dei prodotti, al fine di garantire l’origine e facilitare la realizzazione del quaderno di campagna.

 

  • Censimento delle colture presenti sul territorio e promozione di quelle autoctone.

 

  • Interlocuzione con i centri di formazione per: rafforzare il trasferimento delle innovazioni, diffondere le competenze tecniche e migliorare la capacità di accesso alle innovazioni da parte degli agricoltori (corsi per potatore e innestatore, corsi per agricoltura biologica e a residuo zero, corsi per utilizzatori professionali di prodotti fitosanitari, corsi per operatori di fattoria didattica).

 

  • Creazione di un mercato per la vendita a chilometro zero in Piazza Galluppi per la valorizzazione dei piccoli produttori agricoli locali.

bottom of page